Strumenti di Accessibilità

educazione civica

Gli studenti del Galilei sul palco, dopo la rappresentazione

"Galileo": l'ulivo adottato dal Galilei

Il 30 gennaio le ragazze ed i ragazzi delle classi 1G e 2G del nostro liceo hanno assistito al musical in lingua inglese "Alice in Wonderland" presso il teatro Alcione. La compagnia teatrale Erasmus Theatre al termine dello spettacolo ha consegnato alle classi ed alle docenti il certificato di adozione di un albero d'ulivo che è stato subito battezzato "Galileo". L'albero verrà piantato nel campo degli ulivi che sta nascendo nel Salento su iniziativa della compagnia, grazie al contributo delle scuole. Dopo l'epidemia di Xylella che ha distrutto migliaia e migliaia di alberi , siamo contenti di aver adottato un ulivo per il futuro di quel territorio e per il bene dell'ambiente.

Una targa con il nome del nostro Liceo da oggi verrà posta ai piedi di "Galileo" e tutti noi potremmo vederlo crescere visitando virtualmente o di persona il giardino di Erasmus in Puglia.

Prof.ssa Moraci

Un momento dell'incontro di Mario Salvetti con gli studenti del Galilei

"Occhio alle fonti": il giornalista Mario Salvetti in dialogo con gli studenti

Lunedì 13 marzo, presso l’aula magna della nostra succursale, le classi 1D, 1E, 2A, 2B e 2E hanno partecipato ad una conferenza tenuta da Mario Salvetti, giornalista pubblicista e direttore responsabile del quotidiano di informazione locale “Il baco da seta”.
L’incontro, organizzato dai referenti del “Progetto Biblioteca”, è stato un'occasione per gli Studenti di accostarsi al mondo del giornalismo attraverso l’esperienza di una persona che svolge quest’attività per pura passione, insieme agli altri volontari della redazione del giornale.
La conferenza si è svolta, per la maggior parte, sotto forma di dialogo tra Salvetti e gli studenti, che sono stati di volta in volta sollecitati ad interrogarsi su alcune questioni come la differenza tra fatto e notizia, l’impossibilità da parte di una giornalista ad essere completamente asettico e oggettivo, l’importanza di impiegare il proprio spirito critico per vagliare le fonti di una notizia o le intenzioni dell’autore di un articolo.
In conclusione, Salvetti ha riflettuto sul fatto che stiamo vivendo in un’epoca caratterizzata da una vera e propria infodemia, una circolazione eccessiva di informazioni, non verificate con attenzione, che rende difficile orientarsi su un dato argomento, dato che le fonti non sono sempre affidabili.


Leggi l'articolo uscito su Il Baco da Seta

Locandina dell'iniziativa

"Viaggio nella Memoria": le quinte raccontano il Campo di Fossoli.

Il giorno Venerdì 26 gennaio 2024in occasione della Giorno della Memoria che si celebra ogni anno il 27 gennaio in ricordo delle vittime della Shoah, alcune classi prime e seconde del Liceo, parteciperanno all’incontro intitolato “Viaggio nella memoria: il Campo di Fossoli”, condotto da alcuni studenti in rappresentanza delle classi 5A, 5B, 5BL, 5C, 5D, 5H che nel mese di dicembre hanno visitato il Campo di Fossoli e il Museo Monumento al Deportato di Carpi (Modena).

Con l’"Istituzione del "Giorno della Memoria", in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti”,

 “La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati” (art. 1, L. 211/2000).

L’incontro organizzato vuole costituire, come suggerito dal titolo, un “Viaggio nella memoria”, un momento di conoscenza e riflessione

“su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell'Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinché simili eventi non possano mai più accadere” (art. 2, L. 211/2000).

Il programma del “Viaggio nella memoria” prevede le seguenti “tappe”: un inquadramento storico, la lettura di alcuni testi letterari relativi al campo di Fossoli, la presentazione delle caratteristiche del campo e di quanto gli studenti hanno visto, alcune risonanze personali degli studenti stessi, la presentazione di alcuni elementi del museo della Shoah di Carpi.

L’iniziativa prevede un interessante lavoro peer to peer: gli studenti delle classi quinte presenteranno agli studenti del biennio la loro esperienza e terranno una vera e propria lezione di storia. Il viaggio a Fossoli è stato realizzato con il contributo della Regione Veneto (Delibera della Giunta regionale n. 664 del 30 maggio 2023).

Le foto dell'evento:

Un momento dell'iniziativa "Voci della memoria"

27 gennaio 2023 Giornata della Memoria

Con la Legge n. 211 del 20 luglio 2000, in accordo con la proposta avanzata dal Parlamento Europeo, La Repubblica italiana ha riconosciuto il 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, quale “Giorno della Memoria”

“al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati” (art. 1).

L’art. 2 impegna le Istituzioni e i cittadini a conservare nel futuro dell'Italia la memoria di ciò che è stato e non deve ripetersi e a contrastare attivamente ogni forma di discriminazione e persecuzione.

Senza memoria non può esserci giustizia.

Il Liceo Galilei promuove in questi giorni momenti di approfondimento e confronto, che rappresentano il nostro impegno concreto. 

Le attività che coinvolgeranno i nostri studenti sono riassunte nella circolare n.235. Inoltre, alla Giornata della Memoria è dedicata anche una sezione del giornalino degli studenti "Eppur si muove", in cui sono raccolti gli articoli dedicati al tema.

Un frame del video dove 5 studenti di 5H raccontano le mura di Verona

5H: un video per raccontare le mura di Verona

Se non riesci a vedere il video, clicca qui.

Questo video è il risultato di un'approfondita ricerca storica effettuata dalla classe 5^H. Esso racconta la storia evolutiva di Verona attraverso le sue mura. La scelta di questo tema è scaturita da una semplice osservazione: la presenza della cinta fortificata che avvolge la città ha contribuito all'inserimento del centro storico nella prestigiosa lista dei siti Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco nell'anno 2000. Eppure il turismo di massa si muove esclusivamente nel cuore di Verona e la percezione della presenza delle mura è assai poco chiara agli stessi abitanti della città.

L'obiettivo con il quale è stato realizzato questo lavoro è quello della valorizzazione di questo complesso patrimonio, per contribuire ad una più efficace valorizzazione del territorio.
Il lavoro è stato realizzato come "compito di realtà" per la disciplina di Educazione Civica e verrà consegnato all'Ufficio Unesco del Comune di Verona, corredato da un depliant informativo, realizzato dagli alunni della stessa classe, in italiano e in lingua inglese.

Il lavoro è stato coordinato dalla prof.ssa Roberta Maoli. Il prof. Alessandro Rossato ha realizzato le riprese e il montaggio.

9 maggio 2023 - Giornata dell'Europa

In occasione della Giornata dell’Europa del prossimo 9 maggio 2023la nostra scuola celebra l’unità e la pace in Europa con l’evento NOI, cittadini d’Europa.

Il 9 maggio infatti è l’anniversario della storica dichiarazione del Ministro degli esteri francese Robert Schuman che a Parigi nel 1950 espose la sua idea di una nuova forma di cooperazione politica per l’Europa, a tutti gli effetti considerata l’atto di nascita dell’Unione Europea.

Circolare n. 411

Locandina dell'evento

Assemblea d'istituto: cosa ci passa per la testa?

Assemblea di Istituto  17-21 aprile 2023

Che cosa ci passa per la testa? Riflessioni sul benessere psicologico dei giovani

Grande partecipazione degli studenti all'Assemblea di Istituto che si è tenuta al liceo "Galilei" dal 17 al 21 aprile!

Nell'Aula Magna del liceo, prima le classi del biennio (lunedì 17 e martedì 18) e poi quelle del triennio (mercoledì 19, giovedì 20 e venerdì 21) hanno incontrato vari professionisti (educatori, psicologi e psicoterapeuti) per parlare insieme di un tema bellissimo e di grande attualità: il benessere psicologico dei giovani.

A partire dalla domanda che ha dato il titolo all'Assemblea ("Che cosa ci passa per la testa?") le studentesse e gli studenti del Liceo Galilei hanno dialogato con gli ospiti per riflettere sullo "stare bene" con sé stessi, con il proprio corpo e con gli altri.

Inoltre, le classi terze quarte e quinte hanno partecipato a numerosi laboratori (condotti da docenti interni e da professionisti esterni alla scuola) che mettevano a fuoco e facevano sperimentare almeno una dimensione dello "stare bene", a partire dalle suggestioni della psicologia, dell'arte, della letteratura, della musica, delle tecniche di meditazione, ecc.

L’Assemblea è stata per tutti un’ opportunità di partecipazione e di condivisione di idee, esperienze, prospettive per il futuro.

Per questa bella esperienza la Comunità scolastica del "Galilei" deve il proprio GRAZIE a molte persone:

  • agli Studenti che hanno partecipato con interesse e impegno;
  • ai Rappresentanti di istituto degli studenti e al Comitato studentesco che, con la Dirigente Mariangela Icarelli e con i Docenti del gruppo di progetto "Il Cantiere", hanno voluto e reso possibile l'assemblea;
  • ai Professionisti che hanno accolto con entusiasmo l'invito a mettersi in gioco e a dialogare per cinque mattinate con gli studenti del "Galilei": dott. Giuseppe Battaglia, dott. Amedeo Bezzetto, dott. Giorgio Cipriani, prof.ssa Floriana Ferrigato, dott.ssa Laura Fontecedro, dott.ssa Barbara Giacominelli, dott.ssa Chiara Ghiraldini;
  • ai Docenti internie ai professionisti esterni alla scuola che hanno proposto laboratori, seminari ed esperienze per le classi del triennio e hanno dato supporto organizzativo: prof.ssa Gabriella Duca, prof. Paolo Dall’O’, prof.ssa Silvia Merci, prof.ssa Annalisa Zenti, prof.ssa Patrizia Beltrame, prof. Andrea Bertelli, prof.ssa Maria Luisa Bertolaso, prof.ssa Antonella Bronzati, prof.ssa Anna Maria Bubici, prof. Federico Castellani, prof. Gianmatteo Cecchini, prof.ssa Elisabetta Concari, prof.ssa Roberta Maoli, prof.ssa Greta Olivo, prof.ssa Laura Rossi, prof. Sandro Pistori, prof. Fabio Rigoni, dott. Renato Baldi, dott.ssa Ilenia Bozzola, dott.ssa Maddalena Menini, dott. Michele Orlando, dott. Francesco Previti, dott. Ermanno Regattieri, dott. Federico Rossi, U.O.C. Dipendenze ULSS 9 Scaligera;
  • ai tutti i Docenti del "Galilei" che hanno condiviso le attività di questa settimana con gli studenti; 
  • alla DSGA, Germana Messuri, al Personale A.T.A.che ha reso concretamente possibile l'organizzazione logistica e amministrativa dell'evento.

Grazie!

Rappresentanti d'Istituto con alcuni volontari della Protezione Civile

Assemblea di istituto: "Mi offro volontario"

Lo scorso Giovedì 30 Novembre nel nostro liceo si è tenuta un'assemblea studentesca dedicata ai temi del volontariato e dell'impegno per la pace. Il titolo dell'evento, "Mi offro volontario", riassume bene lo spirito con cui le studentesse e gli studenti del "Galilei", insieme ai docenti e al personale ATA, hanno voluto celebrare la Giornata Internazionale del Volontariato.

L'invito rivolto dai rappresentanti degli studenti del "Galilei" al mondo del volontariato è stato accolto con entusiasmo da 40 associazioni presenti nel territorio veronese, impegnate in vari ambiti del terzo settore (sanitario, assistenziale, ambientale, culturale, ecc). I numerosi volontari che sono intervenuti hanno presentato alle singole classi le proprie iniviative, dando testimonianza concreta di "cittadinanza attiva" a tutti gli studenti presenti (circa 1200). E proprio l'incontro personale tra le/gli studenti/studentesse e le/i volontarie/i è ciò che ha reso bella e coinvolgente l'intera mattinata. L'assemblea ha contribuito peraltro ad arricchire i percorsi di Educazione Civica e di Orientamento di ogni gruppo-classe.

A tutti i volontari che hanno preso parte alla nostra assemblea e alle loro associazioni vogliamo esprimere il nostro "GRAZIE" più sincero. 
"Grazie" inoltre a tutte/i le/gli allieve/i che hanno partecipato con interesse alle attività proposte,

Ecco l'elenco delle associazioni presenti:
ABEO Verona; Alzheimer Verona; Amici della Bolivia; Amnesty International; Banco Alimentare Veneto; CAI Cesare Battisti; Caritas Diocesana Verona; Croce Bianca Verona; Croce Rossa Verona; Croce Verde Verona; CSV (Centro Servizi Volontariato); CTG (Centro Turistico Giovanile); Emergency; Energie Sociali; Essere Clown Verona Onlus; Filocontinuo Coopearitva Sociale Onlus; Fondazione AVSI; Fraternità francescana di Betania; Giracose di Nogarole Rocca; Il Dono di Lugagnano; Laici Missionari Comboniani; LAV Verona; Le Amiche della Biblioteca (Vigasio); Legambiente Verona; Libera Verona, Medici con l'Africa Cuamm; Medici per la pace di Verona; Medici senza Frontiere; One Bridge To Idomeni; Plastic Free; Progetto Chiara Ugolini; Progetto Mondo (MLAL); Protezione Civile; Refugees Welcome; Ronda della Carità; Scout (Agesci); Verona Minor Hierusalem; Veronetta Amica. 

Locandina dell'iniziativa

Auguri ad Arte 2023: Uno sguardo sul Mondo

Locandina dell'evento

Il Liceo Galilei è lieto di invitare la comunità dei Galileiani, studenti, genitori, docenti, personale ATA, venerdì 22 dicembre 2023 dalle ore 20.00 presso l’aula magna della sede centrale, alla tradizionale serata di “Auguri ad Arte” dal titolo Uno sguardo sul mondo. Suoni, pensieri, parole per un Natale di Pace. 

Filo conduttore delle esibizioni degli artisti che si alterneranno sul palco sarà il tema della pace e delle relazioni, declinato in diversi contesti, attraverso linguaggio multiforme dell’arte: arti visive, musica, recitazione, canto. 

La serata sarà, inoltre, occasione per premiare i Galileiani Diplomati Eccellenti dell’a.s. 2022-2023. 

Alle ore 20:00 è previsto per tutti i partecipanti un buffet di benvenuto, organizzato dal Comitato genitori.
Lo spettacolo avrà inizio alle ore 20.30. Per partecipare è richiesta la prenotazione dei posti in Aula Magna al seguente link: https://forms.gle/NqzFnmUSoYprbYuB9

Si ringraziano il Comitato genitori per il buffet di benvenuto, i collaboratori scolastici per la generosa disponibilità, i registi Renato Baldi e Ermanno Regattieri, i professori Patrizia Beltrame, Antonella Bronzati, Alessandro Rossato, Paolo Dall’O’, Liviana Loatelli, Roberta Maoli, Silvia Merci e Laura Rossi per l’organizzazione e l’allestimento dello spettacolo.

Un ringraziamento speciale agli studenti che saliranno sul palco, protagonisti della serata e della nostra scuola.  

Celebrazione della Giornata della Legalità - 23 Maggio 2023

Manifesto dell'evento

Il nostro Liceo celebrerà presso i locali della sede di via San Giacomo nella giornata di martedì 23 Maggio 2023 dalle ore 16 alle ore 18 la Giornata della Legalità.

La nostra comunità scolastica è impegnata, quotidianamente, a formare cittadini capaci del rispetto delle norme e delle leggi, è impegnata a mantenere un ordine sociale ed ad alimentare valori quali il rispetto, la libertà e la solidarietà, perché solo in una società in cui è presente il rispetto delle regole è possibile avvertire i valori fondanti per una convivenza civile.

L’insegnamento della Legalità costituisce uno degli obiettivi principali della nostra scuola, per creare un circolo virtuoso e per incentivare l’assunzione di responsabilità del singolo verso la collettività e favorire il contrasto alla violenza e alla criminalità organizzata.

La panchina rossa inaugurata il 23 novembre; in secondo piano: l'assessora Elisa Paglia, la Dirigente Scolastica, i rappresentanti degli studenti e la prof.ssa Vittoria Moraci

Cerimonia, mostra e installazione per il 25 novembre

Nell’ambito delle iniziative proposte dal  progetto “Percorsi di legalità” in occasione della “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne”

il giorno 23 novembre 2023 alle ore 9.30

presso il nostro Liceo ha avuto luogo la cerimonia di intitolazione di una panchina di colore rosso in memoria di tutte le donne vittime di violenza. Alla cerimonia erano presenti la Dirigente scolastica Mariangela Icarelli, Elisa La Paglia, assessora alle politiche educative e scolastiche, Biblioteche, Edilizia scolastica, Salute e servizi di prossimità del Comune di Verona, il coro e la band del Galilei. A seguire si è tenuto il vernissage della mostra “ Quattro C contro la violenza”, organizzata dalle studentesse e dagli studenti delle classi 1G, 2A, 2F e 2G e dell’installazione posizionata nell’atrio, creata dalla classe 5F.

E’ iniziato così il percorso di approfondimento, condivisione, ascolto reciproco del Liceo Galilei per contribuire all’eliminazione della violenza fisica e psicologica sulle donne.

Anche il quotidiano L'arena ha dedicato un articolo all'iniziativa:  Al liceo Galilei una panchina rossa contro le violenze di genere.


Il 24 novembre gli studenti hanno voluto dedicare un’iniziativa spontanea di riflessione alla prima ora sul tema  dell’indifferenza. Il 25 novembre la nostra scuola sarà presente con un suo contributo all’iniziativa organizzata dalla 5° circoscrizione al teatro di Cadidavid “Musica e arte contro la violenza”. Il 29 novembre incontreremo Giampaolo Trevisi, che in più occasioni ha riflettuto su questo tema e che presenterà il suo ultimo libro “E se qual giorno ti avessi incontrato”.

Una studentessa prende la parola durante l'assemblea spontanea degli studenti, nel porticato della scuola

Locandina del corso Diamoci una scossa: la rianimazione nella scuola

Diamoci una scossa: la rianimazione al Galilei

Nel pomeriggio diMercoledì 8 novembre 2023,30 studenti delle classi quinte del liceo "Galilei"hanno partecipato al corso “Diamoci una scossa. La Rianimazione nella scuola” organizzato dall’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona e dall’Università di Verona. Il progetto, sostenuto dal Comune e dalla Provincia di Verona, è patrocinato dall'Ufficio Scolastico regionale, Ambito Territoriale di Verona edall’Italian Resuscitation Council (IRC).

Il corso di formazione di ha previsto due momenti:

  • unaprima parte teorica in cui sono state fornite le nozioni relative alla catena della sopravvivenza, la morte cardiaca improvvisa, l'ostruzione delle vie aeree, l'algoritmo BLSD; 

  • unaseconda parte pratica, in sottogruppi di 6 persone, in cui gli allievi ci sono esercitati sull'esecuzione pratica dell'algoritmo BLSD prendendo dimestichezza con l'utilizzo del DAE. 

Gli studenti hanno appreso le tecniche e le procedure per lagestione dell’ostruzione delle vie aeree e dell'arresto cardiocircolatorio, anche attraverso l'utilizzo delDAE (Defibrillatore Semiautomatico Esterno) secondo le disposizioni della Legge 1441 del 27 maggio 2021, nota come "Legge Defibrillatori Ovunque". 

Questo tipo di soccorso può avere un'importanza essenziale nella cosiddetta "catena della sopravvivenza" (1. Allarme Precoce; 2. Rianimazione Precoce; 3. Defibrillazione Precoce). L'ostruzione da corpo estraneo e l’arresto di circolo, infatti rappresentano in assoluto le emergenze più serie in termini di conseguenze irreversibili.

I partecipanti, al termine del corso, hanno conseguito lacertificazione "Esecutore DAE", che abilita all'utilizzo del DAE su tutto il territorio nazionale. 

Un "GRAZIE" particolare aldott. Luca dal Corsoinfermiere dell’U.O.C. Chirurgia Generale e dell’Esofago e dello Stomaco e ideatore del progetto), aldott. Simone Sebastiani(medico-chirurgo) e agli operatoriMichele, Massimiliano e Monica che hanno guidato i nostri studenti nel corso di formazione.

Dietro le cose: un corto per i diritti umani

Le classi 5A e 5C hanno vinto il primo premio (500 euro da destinare alla scuola) al concorso nazionale Un corto per i diritti umani dove hanno partecipato numerose scuole in tutta Italia. Il concorso è stato indetto dall'Associazione per i Diritti Umani e la Tolleranza Onlus nell'ambito del progetto Gioventù per i diritti umani che si pone come obiettivo quello di divulgare tra i giovani la conoscenza della Dichiarazione Universale dei diritti Umani.

Il corto si intitola Dietro le cose e prende in esame l’art. 23 (diritti dei lavoratori) della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Vuole mostrare come nella vita di tutti i giorni possano essere presenti strumenti, oggetti, materiali  realizzati senza il rispetto dei diritti dei lavoratori. Anche un ordinario giorno di scuola può vedere la presenza di questo problema. Il video vuole scuotere la coscienza dello spettatore affinché guardi dietro le cose ed inizi a percepire un pò meno lontano il lavoratore vittima dello sfruttamento, verso un processo di riflessione, informazione e scelta.

A breve ci saranno aggiornamenti per la premiazione…

Il link per la visione del video:

https://www.uncortoperidirittiumani.it/dietro-le-cose/

Foto dell'inaugurazione

Donne nell'obiettivo: l'inaugurazione

E' stata inaugurata giovedì 24 ottobre, nei locali della sede, la mostra fotografica "Donne nell'obiettivo: scatta il no alla violenza". All'evento era presente, oltre al Dirigente Scolastico e alle docenti organizzatrici (prof.ssa Moraci e Pietrangeli), la giovane Consigliera comunale con delega alle Pari Opportunità Beatrice Verzè. La mostra, pensata per celebrare la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, sarà ora accessibile a studenti, docenti e ai cittadini che ne richiedano la visita.

Donne nell'obiettivo: scatta il no alla violenza

Per celebrare il 25 novembre la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, verrà allestita nei locali del nostro Liceo una mostra fotografica dal titolo “Donne nell'obiettivo: scatta il no alla violenza”. La mostra racconterà attraverso l’obiettivo degli studenti del Galilei il “no” alla violenza della nostra scuola da sempre impegnata nella tutela dei diritti umani e nella lotta contro ogni forma di ingiustizia e di violenza.
Tutti gli studenti possono partecipare alla mostra.

Vai alla circolare.

Due galileiani vincono il concorso Social Book Club

Comicità ed ironia ebraiche, il cibo e le feste dell’ebraismo, il valore della testimonianza, la violenza medievale a York, il Kindertransport e la Kristallnacht, il negazionismo, Se questo è un uomo di Primo Levi: sono questi solo alcuni dei temi che gli studenti di 4A, guidati dalla Prof.ssa Tinelli, hanno approfondito, leggendo il libro Le cose che ci fanno paura di Keren David.

Su questi e su altri argomenti essenziali per la storia e la cultura ebraiche i ragazzi hanno realizzato dei video della durata di un minuto, veri e propri distillati di un più ampio lavoro di ricerca e approfondimento con una mirata bibliografia di riferimento. Con due di questi video, gli studenti Elia Carrara e Matteo Sartori hanno vinto il concorso Social Book Club indetto dalla Fondazione Museo della Shoah di Roma per la categoria «capacità d’espressione». Per le categorie «creatività» e «numero d’interazioni» si sono distinti rispettivamente gli istituti Leang-Meucci di Osimo (Ancona) e Martinetti di Caluso (Torino).

Pubblichiamo qui di seguito i lavori della classe:

  1. Introduzione (De Ciuceis);
  2. Kristallnacht - video I (Zanini);
  3. Kristallnacht - video II (Grezzani);
  4. Kindertransport (Lovato, Righetti);
  5. Violenze medievali a York (Bottura Mondini);
  6. La nascita dello stato di Israele (Malamut, Manzini, Zurischi);
  7. Il rapporto tra ebraismo e cibo (Patuzzo, Ugiagbe);
  8. Comicità ed ironia ebraiche - video I (Carrara, Sartori);
  9. Comicità ed ironia ebraiche - video II (Carrara, Sartori);
  10. Festività ebraiche (Borges, Tosi);
  11. Se questo è un uomo (Merlin, Sirbu);
  12. La difficoltà e il valore della testimonianza (Martari, Saturnini, Signoretto F.);
  13. Le radici antiche di stereotipi e pregiudizi (Ferrarini);
  14. Episodi di antisemitismo oggi - video I (Signoretto T.);
  15. Episodi di antisemitismo oggi - video II (Bonamini);
  16. Il negazionismo (Ferro, Marinaro, Ronconi).

Galilei - Messaggio di Pace 2023

Un anno fa, alle porte dell'Europa, è iniziato un conflitto che ha sorpreso tutti noi, un'esplosione di violenza che ha costretto milioni di persone a fuggire dalle proprie case e che ancora oggi sta provocando migliaia di vittime.

Non possiamo e non vogliamo dimenticarlo.

Soprattutto, non è giusto chiudere gli occhi né sulla guerra in Ucraina né su ciascuna delle guerre che oggi continuano a insanguinare il nostro pianeta.

La comunità scolastica del "Galilei" vuole lanciare un nuovo "messaggio di pace" attraverso dei semplici spunti di riflessione.

1. Pablo Picasso

Pablo Picasso, La Paix, 1952

Ogni giorno abbiamo negli occhi troppe immagini di sofferenza e devastazione. Preferiamo immaginare come, in una condizione di equilibrio, di ascolto, di esercizio del pensiero, tutto possa diventare possibile: leggere, scrivere, ballare, nutrire la vita di un bambino, solcare il mare con un aratro trainato da un moderno Pegaso, mettere ironicamente in gabbia dei pesci e gli uccelli in una boccia. 

E' quanto succede nel pannello della Pace della cappella di Vallauris, in Costa Azzurra, realizzato dal genio visionario di Pablo Picasso nel 1953.

2. Etty Hillesum

«Certo che ogni tanto si può essere tristi e abbattuti per quel che ci fanno, è umano e comprensibile che sia così. E tuttavia: siamo soprattutto noi stessi a derubarci da soli. 
Trovo bella la vita, e mi sento libera. I cieli si stendono dentro di me come sopra di me. Credo in Dio e negli uomini e oso dirlo senza falso pudore. 
La vita è difficile, ma non è grave. Dobbiamo cominciare a prendere sul serio il nostro lato serio, il resto verrà allora da sé: e lavorare "a se stessi" non è proprio una forma d’individualismo malaticcio. 
Una pace futura potrà essere veramente tale solo se prima sarà stata trovata da ognuno in se stesso - se ogni uomo si sarà liberato dell’odio contro il prossimo, se avrà superato quest’odio e l’avrà trasformato in qualcosa di diverso, forse alla lunga in amore se non è chiedere troppo -. È l’unica soluzione possibile... Sono una persona felice e lodo questa vita, la lodo proprio, nell’anno del Signore 1942, l’ennesimo anno di guerra»
Etty Hillesum, Diario

Etty Hillesum, è una scrittrice olandese, di origine ebraica, morta ad Auschwitz il 30 novembre 1943 a 28 anni. Ha scritto numerose lettere alle persone care, e il diario, un'originale e profondo percorso di ricerca del sé e del senso della vita, una testimonianza sulla persecuzione ebraica e sulla guerra.

Alcune informazioni su Etty Hillesum sono reperibili qui.

3. Vinicio Capossela

Il cantautore Vinicio Capossela ha recentemente pubblicato La crociata dei bambini, una canzone che denuncia le atrocità e la follia della guerra. Il cantautore prende spunto da "La crociata dei ragazzi" (o dei bambini) di Bertold Brecht, ambientata in Polonia durante la seconda guerra mondiale.

Partirono all’alba
in crociata i bambini
Le facce gelate, chi li troverà?
Partirono in fila,
Sepolti di neve
I soli scampati alle bombe
ed ai soldati

Volevan fuggire dagli occhi la guerra,
volevan fuggirla per cielo e per terra
un piccolo capo, la pena nel cuore,
provava a guidarli
e la strada
non sapeva trovare.

Una bambina di undici,
ad una di quattro, come una mamma
portava per mano
ed un piccolo musico, col suo tamburo,
batteva sordo, al timore
di farsi trovare

E poi c’era un cane, ma morto di fame
che per compassione nessuno ammazzò,
e si faceva scuola
tutti alla pari
sillabavan maestri e scolari
P. A. C. E

C’era Fede e Speranza
ma né pane, né carne
non chiamate ladro chi deve rubare,
per dare alle bocche, di cosa mangiare
farina ci vuole
e non solo bontà

Si persero in tondo, nel freddo di neve
nessuno più vivi li poté trovare,
soltanto il cielo, li vede vagare
nel cerchio
dei senza meta
dei senza patria

Si persero in tondo, nel freddo di neve
nessuno più vivi li poté trovare,
soltanto il cielo, li vede vagare
nel cerchio
dei senza meta
dei senza patria

E cercano insieme una terra di pace
non come quella che hanno lasciato,
senza fuoco e rovina di Colosseo
ed immenso dietro di loro…
diventa il corteo

Il cane nel bosco
fu trovato una sera
al collo portava un cartello con scritto:
qualcuno ci aiuti, abbiam perso la strada
seguite il cane,
e vi prego,
non gli sparate

La scritta infantile, trovò un contadino
ma non la mano che la tracciò
un anno è passato, e nessuno è venuto
il cane soltanto è restato
a morire di fame

Il cane soltanto è restato
e si muore di fame

Vinicio Capossela, La crociata dei bambini (2023)

Messaggio di pace 2022

Fatto con Padlet

Giornata del Volontariato al Galilei

Il 5 dicembre, Giornata Internazionale del Volontariato, il Liceo Galilei ha avuto il piacere di ospitare numerose associazioni ed enti che operano nell'ambito del terzo settore e del volontariato. Le realtà presenti erano le seguenti: Croce Verde Verona, Protezione Civile (ANA Verona), Banco Alimentare Veneto, Ronda della Carità Verona, Progettomondo, CSV Verona, Medici Senza Frontiere, Amnesty International, Young Caritas Verona, Plastic Free Verona, Libera. Rinnoviamo il ringraziamento ai volontari e a tutti gli studenti che hanno preso parte alle attività: è stata una preziosa occasione di avvicinare e conoscere molte realtà fondamentali per il nostro territorio e per crescere come cittadini responsabili e solidali. Riportiamo le parole del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata Internazionale per il Volontariato del 2022. «Il volontariato rappresenta un valore inestimabile, espressione della solidarietà basata sulla consapevolezza di un destino comune a tutta l’umanità. Nelle sue diverse esperienze contribuisce alla coesione di ogni società e rappresenta un veicolo prezioso per la comprensione e la cooperazione internazionale. Offrire soccorso a chi è in difficoltà con altruismo e abnegazione genera comunità inclusive, robuste, fondate sulla tutela dei diritti fondamentali. L’ampia e spontanea mobilitazione in aiuto delle comunità colpite da eventi calamitosi ne è testimonianza. Il volontariato costituisce, altresì, una risorsa preziosa per le istituzioni che, con la valorizzazione della partecipazione della società civile, possono adottare misure più efficaci e vicine ai bisogni e alle attese delle persone. Le Nazioni Unite esortano gli Stati membri a coinvolgere maggiormente i volontari nell’affrontare le emergenze e le nuove necessità collettive globali, tra le quali spicca il contrasto ai cambiamenti climatici e il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. In questa Giornata, esprimo a coloro che offrono la loro opera il profondo senso di gratitudine della Repubblica» (Dichiarazione del Presidente della Repubblica, 5 Dicembre 2022)

Un scorcio dello striscione realizzato dagli studenti per l'evento

Giornata della Memoria  e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti di Mafia 2023

L'ingresso del Galilei nel giorno dell'eventoSi è celebrata presso il nostro liceo la giornata della Memoria  e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti di Mafia. Hanno partecipato all'evento le classi 2G, 3AL, 4B, 4F, 5AL e 5H per dire basta alle mafie e alla corruzione e per ricordare le vittime innocenti delle mafie, che hanno sacrificato la loro vita in nome degli ideali di giustizia e legalità. Il nostro liceo ha fortemente voluto celebrare questa giornata, per infondere nella nostra comunità scolastica la presa di coscienza nel nostro paese della presenza della criminalità mafiosa che ha ucciso tante persone e che non può e non deve essere dimenticato. I nostri ragazzi hanno elencato alcuni nomi di vittime delle mafie tra bambini, donne, uomini, giovani e meno giovani, la loro vita, il loro destino.
Coinvolgente è stato l'intervento della nostra Dirigente Scolastica, che ha spiegato ai presenti il suo impegno, durante il suo insegnamento, a trasmettere ai suoi studenti l'importanza del contrasto e la lotta alle mafie, raccontando, con molta commozione, esperienze vissute sul tema.
La cerimonia si è conclusa riflettendo su ciò che ciascuno di noi può fare per l'affermazione dei diritti e della giustizia sociale.

Logo della Giornata Internazionale del Volontariato

Giornata Internazionale del Volontariato

In occasione della Giornata Internazionale per il Volontariato, 
Lunedì 5 Dicembre 2022, 
dalle ore 9:45 alle ore 12:15
presso la sede centrale del Liceo “Galilei”
gli studenti potranno incontrare in modo informale i volontari di alcune associazioni e istituzioni che operano nel territorio di Verona e provincia.

«Il volontariato è una straordinaria energia civile che aiuta le comunità ad affrontare le sfide del tempo e le sue difficoltà. Rinsalda i legami tra le persone, è vicino a chi si trova nel bisogno, riduce i divari sociali, promuove l’accoglienza e la sostenibilità [...]. 

Il rispetto dei diritti e delle libertà della persona, nella solidarietà, è il patrimonio più prezioso che dobbiamo trasferire alle nuove generazioni: e a questo patrimonio i volontari contribuiscono con passione e ideali, con la forza della loro testimonianza.

Le istituzioni - locali, nazionali, internazionali - hanno nei volontari e nelle loro associazioni alleati importanti nell’affrontare i cambiamenti che si rendono necessari per costruire una società migliore»

(Dichiarazione del Presidente della Repubblica, 5 dicembre 2021).


L’incontro tra la scuola e il mondo del volontariato ha un grande valore formativo ed educativo. In questa prospettiva, l’iniziativa si propone dunque di arricchire e sostenere il percorso di Educazione Civica previsto per ogni classe dell’istituto.

Leggi la circolare.

Giornata Mondiale dell'Ambiente - Una Sola Terra (5 giugno 2023)

Giovedì 31 maggio, alle ore 12, si è tenuta presso la "Sala Arazzi" di Palazzo Barbieri la conferenza stampa di presentazione dell'evento di pulizia e sensibilizzazione organizzato dal nostro Liceo in occasione della "Giornata Mondiale dell'Ambiente" di lunedì 5 giugno 2023. L'evento che coinvolgerà circa 850 persone tra studenti ed insegnanti è organizzato in collaborazione con Plastic Free Odv Onlus, AMIA e con il supporto di Valpolicella Benaco Banca e Unione RadioTaxi Verona, come sponsor.

Qui di seguito il link ad un paio di articoli, usciti sulla stampa, che parlano di noi:

https://www.larena.it/territorio-veronese/citta/giornata-mondiale-ambiente-studenti-galilei-ripuliscono-quartieri-1.10099409

https://daily.veronanetwork.it/green/giornata-mondiale-dellambiente-in-azione-850-studenti-del-galilei/

Logo dell'iniziativa m'illumino di meno

Giornata Nazionale del Risparmio Energetico: il Galilei c'è!

Logo m'illumino di meno dell'edizione 2023

Anche il nostro Liceo aderisce, con due iniziative d'istituto ed alcune attività di classe, alla campagna di sensibilizzazione "M'illumino di meno", organizzata in occasione della "Giornata Nazionale del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili", prevista per giovedì 16 febbraio 2023.

“5 Minuti per l’Ambiente”

Dalle ore 08:05 alle ore 08:10, guidati da un triplice suono di campana iniziale e finale, verranno spente, in tutte le classi ed in tutti gli ambienti della scuola, luci e dispositivi elettrici.
Questi minuti saranno coordinati dai Referenti Ambientali di Classe (RAC) che guideranno i compagni in un breve momento di riflessione attraverso la lettura di un breve testo sul tema del risparmio energetico.

“Pianti-Amo un Albero”

Alle ore 11:00, nel giardino della sede centrale, si terrà alla presenza di tutti i Referenti Ambientali della sede, in rappresentanza di tutti gli alunni, una breve cerimonia con messa a dimora di alcune piante di Buddleja, chiamata anche “albero delle farfalle”, donate al nostro Liceo dall’Associazione “Plastic Free Odv Onlus” di Verona.
La cerimonia sarà guidata dalla Dirigente Scolastica, prof.ssa Mariangela Icarelli, con la presenza della sig.ra Giovanna Leardini, Referente Plastic Free per la provincia e per il comune di Verona.

"... oggi essere rivoluzionari significa togliere
più che aggiungere, rallentare più che accelerare,
significa dare valore al silenzio, al buio, alla luce,
alla fragilità, alla dolcezza."

da "Cedi la strada agli alberi" di Franco Arminio

Leggi la circolare dell'iniziativa.

I galileiani ripuliscono il quartiere e raccolgono 600 chili di rifiuti

E' noto che una foresta che cresce non fa rumore, ma l'entusiasmo degli studenti del Galilei che lunedì 5 giugno hanno svegliato il quartiere per la Giornata Mondiale dell'Ambiente ha destato diverse attenzioni. Dopo i saluti delle autorità, infatti, centinaia di alunni e docenti hanno invaso le vie vicine alle due sedi per fare un'esperienza di "educazione civica" pratica, colorando le strade con i loro giubbetti fosforescenti. 

Complessivamente sono stati raccolti 627 kg di rifiuti, tra alunni di sede e succursale, così suddivisi:

  • 144,2 kg di plastica/lattine
  • 290,1 kg di secco indifferenziato
  • 192,7 kg di vetro

Di questa grande iniziativa, organizzata dal prof. Semolini e dalla Commissione "Insieme Facciamo la Differenza", in collaborazione con Plastic Free e con Amia, hanno parlato anche alcuni media locali:

L'Arena - Studenti del Galilei in campo per l'ambiente: raccolti oltre 600 chili di rifiuti

Telenuovo - Giornata mondiale dell'ambiente: Galilei in campo

Plastic Free Verona - pagina Facebook

Sul palco del cinema tatro David, la band e il coro del Galilei con gli altri artisti coinvolti nella serata

Il coro e la band del Galilei: la musica, la poesia e l'arte per dire NO alla violenza contro le donne

Sabato 25 novembre alle ore 21.00 presso il Teatro di Cadidavid, grazie alla collaborazione con l'associazione culturale Istinti artistici, il coro e la band del Galilei hanno realizzato una serata di musica, di poesia e di arte per far sentire la loro voce contro la violenza sulle donne che, purtroppo, è ancora una piaga che affligge la nostra società. 

I ragazzi e le ragazze, con la guida della prof.ssa  Liviana Loatelli, musicista, e la collaborazione di alcuni docenti partecipanti al coro, in primis la prof.ssa Laura Rossi, hanno scelto vari brani musicali legati al tema del rispetto, della libertà, dei diritti inalienabili della persona umana e li hanno interpretati con un trasporto e una professionalità davvero ammirevoli. Voci, violino, basso, chitarre, batteria e pianoforte sono stati gli strumenti ai quali i ragazzi hanno affidato il loro messaggio volto a sensibilizzare il pubblico su questo problema. Il loro è stato anche un bellissimo e concreto esempio di come sia importante creare una cultura dell'ascolto, del dialogo, della collaborazione e dell'aiuto reciproco. La loro voce di impegno per contrastare la violenza e la speranza che i femminicidi vengano eliminati si è espressa anche attraverso testi e poesie. Infine, anche l'arte figurativa ha voluto dire la sua, grazie alla presenza di alcuni quadri realizzati da Liviana Loatelli dedicati alle “Donne del mito”, personale rivisitazione di figure femminili, colte nei loro sentimenti più genuini e nella loro quotidianità. Si ringraziano tutte le persone che hanno reso possibile questo evento.

Musicisti band del Galilei:
Irene Cuccarolo
Elisa Besleaga
Elisa Montresor
Anita Panarotto
Chenuki Hemabandu 
Adesuwasharon Ugiagbe
Lea Tuchtan
Alessandro Bendazzoli 
Omaima El Ourrak
Carlo Condò
Francesco Penzo
Michele Dal Pozzo
Silvia Stanghellini
Martino Baldo 
Nicolò Modenese

Coreografie: Azzurra Trevisani 

Coro:
Prof.ssa Laura Rossi
Prof.ssa Laura Agostini
Prof.ssa Paola Petrillo
Prof.ssa Elena Moscardo
Adesuwa Ugiagbe
Leonardo Dosso
Giovanni Pesenti
Silvia Pezzi
Silvia Stanghellini
Sara Bellani
Margherita Sandrini 


Il potere dei gesti gentili , il potere dell'ascolto e della musica

di Liviana Loatelli


Chi fa musica sogna,
perchè usa l'immaginazione;
chi fa musica sa ascoltare se stesso e gli altri a cuore aperto,
perchè solo il silenzio permette alle note e alla vita di danzare;
chi fa musica sorridecon se stesso e con gli altri,
perchè il sorriso apre le porte all'autenticità;
chi fa musica è delicato con se stesso e con gli altri,
perchè accarezzagli animi e li fa danzare a ritmo di suoni e di silenzi;
chi fa musica accogliese stesso e gli altri,
perchè percepisce che ognuno è un tesoro da scoprire;
chi fa musica non è violento,
perchè usa i gesti per creare bellezza;
chi fa musica tende la mano,
perchè sa che si può fare musica da soli, ma anche che insieme è più bella;
chi fa musica sa aspettare
perchè la pazienza permette di preparare al meglio la nota o il silenzio che serve in quel momento;
chi fa musica non offende,
perchè prima di riconoscere i difetti degli altri percepisce i propri;
chi fa musica sa pensare
perchè immergersi nell'anima è il modo più autentico per creare arte;
chi fa musica studia,
perchè ad ogni nota percepisce che non ha mai finito di imparare;
chi fa musica insegue la bellezza,
perchè sente che ogni nota e ogni silenzio lo mettono in comunione con l'infinito;
chi fa musica canta,
per il semplice motivo che è vivo e impara a danzare anche nelle avversità della vita.

La proiezione del cinema africano in aula magna al Galilei

Il Festival del Cinema Africano approda al Liceo Galilei in un’ottica di interculturalità

Mercoledì 8 novembre, presso l’Aula magna del nostro liceo, gli studenti delle cinque classi della sezione AL hanno assistito alla proiezione del film, in lingua originale francese,“Sì, Chef! - La Brigade” del regista Louis Julien Petit. Ciò che il film racconta è ispirato alla storia vera di Catherine Grosjean, una chef che insegna alla scuola alberghiera di Treignac (nella regione di Corrèze) dedicata a minori stranieri non accompagnati.

Il regista ha costruito una commedia “traboccante di emozioni dove la cucina risolleva gli animi e accende una speranza sul futuro di giovani migranti minorenni.”(sito Cinelà, Educational spazio scuole). 

Preparati alla visione dai docenti e dal materiale fornito dall’Organizzazione del Festival, gli studenti,a tratti divertiti ed emozionati, hanno seguito la storia di questi quasi coetanei che sperano in un futuro di riuscita personale ed inclusione in un paese europeo come, in questo caso, la Francia. Avranno scoperto i nostri studenti, se questi straordinari e coraggiosi ragazzi, muovendosi tra fornelli, aromi, sapori e menu, sono riusciti a coronare il loro sogno?

Alla visione è seguito un dibattito, guidato dagli operatori di “Cinelà”, durante il quale alcune studentesse e studenti hanno espresso interessanti osservazioni e riflessioni. Inoltre, alla termine del dialogo,gli studenti hanno potuto votare come veri giurati di un festival, esprimendo il loro gradimento sul film.

Ringraziamo lo staff dello Spazio Educational del Festival del Cinema Africano, che opera nella nostra città da più di 40 anni, nei campi della cultura, della socialità, dei diritti e della formazione presentando film, talvolta ancora sconosciuti, che offrono uno sguardo nuovo sui mille volti dell’Africa e sulle sue implicazioni sociali e culturali con il nostro continente.

I nostri indirizzi

Liceo Scientifico di Ordinamento

Liceo delle Scienze Applicate

Liceo Scientifico Sportivo

Liceo Linguistico

Piano Scuola 4.0

Scuola 4.0

Pon 2014-2020

Programma Operativo MI

Cambrisge School

Cambridge school

Scuola in chiaro

Scuola in chiaro

Logo eTwinning

eTwinning

Logo Erasmus +

Erasmus +