Strumenti di Accessibilità

arte

Un frame del video dove 5 studenti di 5H raccontano le mura di Verona

5H: un video per raccontare le mura di Verona

Se non riesci a vedere il video, clicca qui.

Questo video è il risultato di un'approfondita ricerca storica effettuata dalla classe 5^H. Esso racconta la storia evolutiva di Verona attraverso le sue mura. La scelta di questo tema è scaturita da una semplice osservazione: la presenza della cinta fortificata che avvolge la città ha contribuito all'inserimento del centro storico nella prestigiosa lista dei siti Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco nell'anno 2000. Eppure il turismo di massa si muove esclusivamente nel cuore di Verona e la percezione della presenza delle mura è assai poco chiara agli stessi abitanti della città.

L'obiettivo con il quale è stato realizzato questo lavoro è quello della valorizzazione di questo complesso patrimonio, per contribuire ad una più efficace valorizzazione del territorio.
Il lavoro è stato realizzato come "compito di realtà" per la disciplina di Educazione Civica e verrà consegnato all'Ufficio Unesco del Comune di Verona, corredato da un depliant informativo, realizzato dagli alunni della stessa classe, in italiano e in lingua inglese.

Il lavoro è stato coordinato dalla prof.ssa Roberta Maoli. Il prof. Alessandro Rossato ha realizzato le riprese e il montaggio.

Il coro del Galilei ad Auguri ad Arte 2022

Auguri ad Arte 2022

Talento, solidarietà e tanto entusiasmo per la tradizionale serata che ha radunato la comunità galileiana in una gremita aula magna, colma di emozione e gratitudine. 

Complimenti a tutte le ragazze e i ragazzi che hanno reso la serata unica e indimenticabile: dallo storico Gruppo Teatrale coordinato da Ermanno Regattieri e Renato Baldi, al neonato Coro del "Galilei" diretto dalla prof.ssa Liviana Loatelli, dalle brillanti presentatrici alle alunne che, guidate dalla prof.ssa Roberta Maoli, hanno condiviso opere d'arte e riflessioni che hanno toccato il cuore di tutto il pubblico presente; e complimenti alla Band del "Galilei".

Grazie ai genitori che hanno offerto il buffet di benvenuto e a tutti coloro che hanno contribuito alla raccolta di indumenti per le persone assistite dalla Ronda della Carità; grazie ai responsabili di questa associazione che ci hanno offerto l'opportunità di essere concretamente solidali.

Complimenti vivissimi ai diplomati eccellenti del "Galilei".

Grazie al Dirigente scolastico Michele Bragantini e agli ex dirigenti dell'istituto che hanno accolto l'invito ad essere presenti e hanno espresso grande felicità e commozione per questa ritrovata occasione di socialità e condivisione.

Grazie infine ai docenti che hanno collaborato nell'organizzazione dell'evento e a tutti coloro che hanno scelto di trascorrere con noi questa bellissima serata all'insegna dell'arte, della solidarietà e della gioia. 

Buon Natale e Buone Feste!

Auguri ad Arte 2022: Beyond Walls

Vlantino Auguri ad Arte 2022Il Liceo "Galilei" è lieto di invitare la comunità dei Galileiani, studenti, genitori, docenti, personale A.T.A., giovedì 22 dicembre 2022 alle ore 20:00 presso l’aula magna della sede centrale, alla tradizionale serata di “Auguri ad Arte” dal titolo

Beyond Walls: per un Natale di Solidarietà. 

Filo conduttore delle esibizioni degli artisti che si alterneranno sul palco sarà il tema della solidarietà con cui il nostro liceo ha aperto il mese di dicembre, ospitando numerose associazioni di volontariato in occasione della giornata internazionale a loro dedicata.
In collaborazione con la Ronda della Carità, sarà possibile essere concretamente solidali contribuendo ad una raccolta di abbigliamento invernale organizzata negli spazi della sede.
La serata sarà, inoltre, occasione per premiare i Galileiani Diplomati Eccellenti del 2022 ed insieme ad essi anche le eccellenze del 2020 e 2021, 

Per una migliore organizzazione della serata, si chiede di prenotare i posti in Aula Magna al seguente link 
https://forms.gle/9RfMHhSPMPVebAew8 
Si ringraziano la Ronda della Carità per la collaborazione; il Comitato genitori per il buffet di benvenuto; i collaboratori scolastici per la generosa disponibilità, Renato Baldi, Ermanno Regattieri, le prof.sse Liviana Loatelli, Roberta Maoli e Laura Rossi per l’allestimento dello spettacolo e soprattutto gli studenti che saliranno sul palco, protagonisti della serata e della nostra scuola.    

Locandina dell'iniziativa

Auguri ad Arte 2023: Uno sguardo sul Mondo

Locandina dell'evento

Il Liceo Galilei è lieto di invitare la comunità dei Galileiani, studenti, genitori, docenti, personale ATA, venerdì 22 dicembre 2023 dalle ore 20.00 presso l’aula magna della sede centrale, alla tradizionale serata di “Auguri ad Arte” dal titolo Uno sguardo sul mondo. Suoni, pensieri, parole per un Natale di Pace. 

Filo conduttore delle esibizioni degli artisti che si alterneranno sul palco sarà il tema della pace e delle relazioni, declinato in diversi contesti, attraverso linguaggio multiforme dell’arte: arti visive, musica, recitazione, canto. 

La serata sarà, inoltre, occasione per premiare i Galileiani Diplomati Eccellenti dell’a.s. 2022-2023. 

Alle ore 20:00 è previsto per tutti i partecipanti un buffet di benvenuto, organizzato dal Comitato genitori.
Lo spettacolo avrà inizio alle ore 20.30. Per partecipare è richiesta la prenotazione dei posti in Aula Magna al seguente link: https://forms.gle/NqzFnmUSoYprbYuB9

Si ringraziano il Comitato genitori per il buffet di benvenuto, i collaboratori scolastici per la generosa disponibilità, i registi Renato Baldi e Ermanno Regattieri, i professori Patrizia Beltrame, Antonella Bronzati, Alessandro Rossato, Paolo Dall’O’, Liviana Loatelli, Roberta Maoli, Silvia Merci e Laura Rossi per l’organizzazione e l’allestimento dello spettacolo.

Un ringraziamento speciale agli studenti che saliranno sul palco, protagonisti della serata e della nostra scuola.  

Galilei - Messaggio di Pace 2023

Un anno fa, alle porte dell'Europa, è iniziato un conflitto che ha sorpreso tutti noi, un'esplosione di violenza che ha costretto milioni di persone a fuggire dalle proprie case e che ancora oggi sta provocando migliaia di vittime.

Non possiamo e non vogliamo dimenticarlo.

Soprattutto, non è giusto chiudere gli occhi né sulla guerra in Ucraina né su ciascuna delle guerre che oggi continuano a insanguinare il nostro pianeta.

La comunità scolastica del "Galilei" vuole lanciare un nuovo "messaggio di pace" attraverso dei semplici spunti di riflessione.

1. Pablo Picasso

Pablo Picasso, La Paix, 1952

Ogni giorno abbiamo negli occhi troppe immagini di sofferenza e devastazione. Preferiamo immaginare come, in una condizione di equilibrio, di ascolto, di esercizio del pensiero, tutto possa diventare possibile: leggere, scrivere, ballare, nutrire la vita di un bambino, solcare il mare con un aratro trainato da un moderno Pegaso, mettere ironicamente in gabbia dei pesci e gli uccelli in una boccia. 

E' quanto succede nel pannello della Pace della cappella di Vallauris, in Costa Azzurra, realizzato dal genio visionario di Pablo Picasso nel 1953.

2. Etty Hillesum

«Certo che ogni tanto si può essere tristi e abbattuti per quel che ci fanno, è umano e comprensibile che sia così. E tuttavia: siamo soprattutto noi stessi a derubarci da soli. 
Trovo bella la vita, e mi sento libera. I cieli si stendono dentro di me come sopra di me. Credo in Dio e negli uomini e oso dirlo senza falso pudore. 
La vita è difficile, ma non è grave. Dobbiamo cominciare a prendere sul serio il nostro lato serio, il resto verrà allora da sé: e lavorare "a se stessi" non è proprio una forma d’individualismo malaticcio. 
Una pace futura potrà essere veramente tale solo se prima sarà stata trovata da ognuno in se stesso - se ogni uomo si sarà liberato dell’odio contro il prossimo, se avrà superato quest’odio e l’avrà trasformato in qualcosa di diverso, forse alla lunga in amore se non è chiedere troppo -. È l’unica soluzione possibile... Sono una persona felice e lodo questa vita, la lodo proprio, nell’anno del Signore 1942, l’ennesimo anno di guerra»
Etty Hillesum, Diario

Etty Hillesum, è una scrittrice olandese, di origine ebraica, morta ad Auschwitz il 30 novembre 1943 a 28 anni. Ha scritto numerose lettere alle persone care, e il diario, un'originale e profondo percorso di ricerca del sé e del senso della vita, una testimonianza sulla persecuzione ebraica e sulla guerra.

Alcune informazioni su Etty Hillesum sono reperibili qui.

3. Vinicio Capossela

Il cantautore Vinicio Capossela ha recentemente pubblicato La crociata dei bambini, una canzone che denuncia le atrocità e la follia della guerra. Il cantautore prende spunto da "La crociata dei ragazzi" (o dei bambini) di Bertold Brecht, ambientata in Polonia durante la seconda guerra mondiale.

Partirono all’alba
in crociata i bambini
Le facce gelate, chi li troverà?
Partirono in fila,
Sepolti di neve
I soli scampati alle bombe
ed ai soldati

Volevan fuggire dagli occhi la guerra,
volevan fuggirla per cielo e per terra
un piccolo capo, la pena nel cuore,
provava a guidarli
e la strada
non sapeva trovare.

Una bambina di undici,
ad una di quattro, come una mamma
portava per mano
ed un piccolo musico, col suo tamburo,
batteva sordo, al timore
di farsi trovare

E poi c’era un cane, ma morto di fame
che per compassione nessuno ammazzò,
e si faceva scuola
tutti alla pari
sillabavan maestri e scolari
P. A. C. E

C’era Fede e Speranza
ma né pane, né carne
non chiamate ladro chi deve rubare,
per dare alle bocche, di cosa mangiare
farina ci vuole
e non solo bontà

Si persero in tondo, nel freddo di neve
nessuno più vivi li poté trovare,
soltanto il cielo, li vede vagare
nel cerchio
dei senza meta
dei senza patria

Si persero in tondo, nel freddo di neve
nessuno più vivi li poté trovare,
soltanto il cielo, li vede vagare
nel cerchio
dei senza meta
dei senza patria

E cercano insieme una terra di pace
non come quella che hanno lasciato,
senza fuoco e rovina di Colosseo
ed immenso dietro di loro…
diventa il corteo

Il cane nel bosco
fu trovato una sera
al collo portava un cartello con scritto:
qualcuno ci aiuti, abbiam perso la strada
seguite il cane,
e vi prego,
non gli sparate

La scritta infantile, trovò un contadino
ma non la mano che la tracciò
un anno è passato, e nessuno è venuto
il cane soltanto è restato
a morire di fame

Il cane soltanto è restato
e si muore di fame

Vinicio Capossela, La crociata dei bambini (2023)

Messaggio di pace 2022

Fatto con Padlet

Sul palco del cinema tatro David, la band e il coro del Galilei con gli altri artisti coinvolti nella serata

Il coro e la band del Galilei: la musica, la poesia e l'arte per dire NO alla violenza contro le donne

Sabato 25 novembre alle ore 21.00 presso il Teatro di Cadidavid, grazie alla collaborazione con l'associazione culturale Istinti artistici, il coro e la band del Galilei hanno realizzato una serata di musica, di poesia e di arte per far sentire la loro voce contro la violenza sulle donne che, purtroppo, è ancora una piaga che affligge la nostra società. 

I ragazzi e le ragazze, con la guida della prof.ssa  Liviana Loatelli, musicista, e la collaborazione di alcuni docenti partecipanti al coro, in primis la prof.ssa Laura Rossi, hanno scelto vari brani musicali legati al tema del rispetto, della libertà, dei diritti inalienabili della persona umana e li hanno interpretati con un trasporto e una professionalità davvero ammirevoli. Voci, violino, basso, chitarre, batteria e pianoforte sono stati gli strumenti ai quali i ragazzi hanno affidato il loro messaggio volto a sensibilizzare il pubblico su questo problema. Il loro è stato anche un bellissimo e concreto esempio di come sia importante creare una cultura dell'ascolto, del dialogo, della collaborazione e dell'aiuto reciproco. La loro voce di impegno per contrastare la violenza e la speranza che i femminicidi vengano eliminati si è espressa anche attraverso testi e poesie. Infine, anche l'arte figurativa ha voluto dire la sua, grazie alla presenza di alcuni quadri realizzati da Liviana Loatelli dedicati alle “Donne del mito”, personale rivisitazione di figure femminili, colte nei loro sentimenti più genuini e nella loro quotidianità. Si ringraziano tutte le persone che hanno reso possibile questo evento.

Musicisti band del Galilei:
Irene Cuccarolo
Elisa Besleaga
Elisa Montresor
Anita Panarotto
Chenuki Hemabandu 
Adesuwasharon Ugiagbe
Lea Tuchtan
Alessandro Bendazzoli 
Omaima El Ourrak
Carlo Condò
Francesco Penzo
Michele Dal Pozzo
Silvia Stanghellini
Martino Baldo 
Nicolò Modenese

Coreografie: Azzurra Trevisani 

Coro:
Prof.ssa Laura Rossi
Prof.ssa Laura Agostini
Prof.ssa Paola Petrillo
Prof.ssa Elena Moscardo
Adesuwa Ugiagbe
Leonardo Dosso
Giovanni Pesenti
Silvia Pezzi
Silvia Stanghellini
Sara Bellani
Margherita Sandrini 


Il potere dei gesti gentili , il potere dell'ascolto e della musica

di Liviana Loatelli


Chi fa musica sogna,
perchè usa l'immaginazione;
chi fa musica sa ascoltare se stesso e gli altri a cuore aperto,
perchè solo il silenzio permette alle note e alla vita di danzare;
chi fa musica sorridecon se stesso e con gli altri,
perchè il sorriso apre le porte all'autenticità;
chi fa musica è delicato con se stesso e con gli altri,
perchè accarezzagli animi e li fa danzare a ritmo di suoni e di silenzi;
chi fa musica accogliese stesso e gli altri,
perchè percepisce che ognuno è un tesoro da scoprire;
chi fa musica non è violento,
perchè usa i gesti per creare bellezza;
chi fa musica tende la mano,
perchè sa che si può fare musica da soli, ma anche che insieme è più bella;
chi fa musica sa aspettare
perchè la pazienza permette di preparare al meglio la nota o il silenzio che serve in quel momento;
chi fa musica non offende,
perchè prima di riconoscere i difetti degli altri percepisce i propri;
chi fa musica sa pensare
perchè immergersi nell'anima è il modo più autentico per creare arte;
chi fa musica studia,
perchè ad ogni nota percepisce che non ha mai finito di imparare;
chi fa musica insegue la bellezza,
perchè sente che ogni nota e ogni silenzio lo mettono in comunione con l'infinito;
chi fa musica canta,
per il semplice motivo che è vivo e impara a danzare anche nelle avversità della vita.

Il Gruppo Teatrale "Galilei" al teatro S. Teresa

Manifesto dell'evento

Giovedì 18 maggio e venerdì 19 maggio, alle 10:30 e alle 21.00, al teatro S. Teresa, lo storico Gruppo Teatrale “Galilei” rappresenterà Le pute no ha da andar in maschera, uno spettacolo che prende spunto da varie opere di Goldoni, per la regia di Renato Baldi ed Ermanno Regattieri (circ. 417).

E' un importante evento per il Liceo Galilei e per la compagnia, reduce dal successo ottenuto al festival nazionale del Teatro scolastico a Cesena.

Vi aspettiamo numerosi!

Musica e Arte: insieme contro la violenza

I due galileiani medagliati

Il coro e i musicisti della band del Galilei vogliono dare un segnale forte contro la violenza sulle donne, partecipando con la loro musica all' evento che si terrà presso il teatro di Cadidavid sabato 25 novembre. Arte, musica, poesia e danza saranno le protagoniste di chi vuole dire NO alla violenza sulle donne, e di chi vuole promuovere la cultura dell' ascolto, della condivisione, della gentilezza e della vera bellezza.

I nostri indirizzi

Liceo Scientifico di Ordinamento

Liceo delle Scienze Applicate

Liceo Scientifico Sportivo

Liceo Linguistico

Piano Scuola 4.0

Scuola 4.0

Pon 2014-2020

Programma Operativo MI

Cambrisge School

Cambridge school

Scuola in chiaro

Scuola in chiaro

Logo eTwinning

eTwinning

Logo Erasmus +

Erasmus +